Consulenza psicologica  e  psicoterapiadiagnosi clinica, training autogeno

 SPAZIO   PSI

 Studio di Psicologia e
 Psicoterapia - Roma

 Dott.ssa Ida Lopiano e
 dott. Arturo Mona,
 psicologi - psicoterapeuti

:: Viale Libia, 98 (Nomentana,
    Montesacro)
. 00199 -  Roma
 :: Viale Giulio Agricola, 61
    (
Tuscolana, Metro
    Giulio Agricola).
   
00174 - Roma
 :: Dott.ssa I. Lopiano: 320.0450719
 :: Dott. A. Mona:  338.1666010
   
www.spaziopsi.it
 idalopiano@gmail.com -  arturomona@gmail.com

 Home    Psicoterapia    Training Autogeno    Gruppi     Articoli    Link      Contatti       

Terapia della Gestalt

La terapia della Gestalt può essere inquadrata all’interno delle correnti terapeutiche “umanistiche”, come gli approcci di Maslow e Rogers.
Ne è il fondatore F. Perls, psicoanalista.

Alla base di questo approccio vi è la considerazione che ogni organismo funziona come un sistema e che il comportamento umano è determinato dall’interazione tra organismo e ambiente.

L’obiettivo della terapia della Gestalt è quello di sostenere la persona perchè possa sviluppare appieno e alimentare il proprio potenziale umano in armonia con l’ambiente e nel rispetto dei diritti degli altri. Questo processo passa attraverso la consapevolezza delle proprie esperienze e la ricerca di equilibrio interno in relazione all’ambiente.
Il terapeuta si focalizza sui processi attraverso i quali l’individuo interagisce con il mondo e costruisce la propria identità attraverso “l’agire nel momento presente”.
 
La modalità con la quale viene spesso svolto il lavoro terapeutico è quello del work-shop in gruppo, all’interno del quale la persona si sperimenta, nel presente, nell’interazione con gli atri.
Il gruppo rappresenta un contesto ottimale per osservare l’interazione tra l’individuo e il suo ambiente e per favorirne la consapevolezza da parte dei suoi membri.
Il gruppo permette inoltre all’individuo di “fare esperienze” rispetto ai comportamenti interpersonali all’interno di un contesto “protetto” che favorisce la crescita e lo sviluppo del potenziale umano.

Fare terapia vuol dire “fare esperienza nel presente”.
Passato e futuro vengono considerati dimensioni che tracciano “i confini psicologici” dell’esperienza presente, ovvero che fanno da sfondo.
Fare esperienza è, secondo questo approccio, più efficace rispetto al “parlare sulle cose”.

La focalizzazione del’intervento terapeutico è dunque nel “qui ed ora”, riguarda cioè il presente piuttosto che la storia passata o le dinamiche intrapsichiche dell’individuo; e il terapeuta rappresenta lo strumento che consente all’individuo di mantenersi in contatto con i propri bisogni e desideri attuali.

 

Ida Lopiano © 2007